Barcelona: no tinc por. Le parole di Ada Colau per la manifestazione di oggi 26.8.2017

La sindaca di Barcellona, Ada Colau, così commenta la manifestazione indetta per oggi:

”Domani, quando ci prepariamo per andare alla manifestazione e riempire le strade di Barcellona al grido ‘Non abbiamo paura’, andiamo col pensiero rivolto alle vittime. Con la volontà di accompagnarle nel loro dolore, e che non si sentano sole.

Andiamo per condividere con gli altri il nostro dolore, la rabbia, l’impotenza, la paura. Per non sentirci soli e sole, per dimostrare che siamo tanti, tantissimi, a difendere la pace, la divesità e la convivenza. Unirci ci rende più forti e ci blinda contro l’odio che i fanatici vogliono inculcarci seminando terrore.

Andiamo alla manifestazione, anche, a rendere omaggio a tutte quelle persone che si sono comportate in modo esemplare durante e dopo l’attentato, e sentiamoci orgogliosi/e che in testa alla manifestazione rappresentino questa città coraggiosa e solidale che ha messo fuori il meglio di sé in momenti tanto difficili.

Andiamo, infine, ispirati/e da questa immagine che ieri ci ha emozionato e ci ha riempito di speranza dopo giorni tanto duri: i genitori che hanno perso il loro figlio di tre anni in questo crudele attentato, abbracciati all’imam della sua città. Un abbraccio che simboleggia la sconfitta di chi ci ha colpiti ma non ha raggiunto l’obiettivo.

Che l’amore, l’intelligenza e la forza di questo abbraccio siano sempre il nostro esempio e la nostra guida.”

Screen Shot 2017-08-26 at 8.07.21 AM

Screen Shot 2017-08-26 at 8.09.59 AM

Annunci

Ada Colau, sindaca di Barcellona, ancora una volta prende posizione contro la violenza di genere

A Barcellona, una donna, una medica, Victoria Bertran, è stata uccisa da un uomo, suo marito.

Ada Colau tuona. Come sa fare lei: in maniera vigorosa e precisa, senza sbavature, senza odio di pancia, con mente attenta e partecipazione umana.

”…i primi titoli parlavano di ‘sua moglie’, e sempre in forma passiva, come complemento oggetto di frasi in cui il soggetto era lui, l’assassino”.

Chiama le cose con il loro nome nome, facendo una snella analisi linguistica non fine a se stessa, ma perché le parole non sono insignificanti, e tanto meno come si dispongono a costruire frasi. Che sono pensieri e visioni. Sa benissimo che con le parole si organizza il mondo, si proiettano valori e prese di posizione. E da prima cittadina interviene per schierarsi contro la violenza di genere, come cittadina e in nome della città che rappresenta.

Ecco perché il suo accorato appello parte da una rigorosa critica alle parole della stampa, ma solo per condannare fermamente, una volta in più, la violenza sulle donne.

Convoca domani una manifestazione in Plaza Sant Jaume, dove alle 12 verrà osservato un minuto di silenzio, in memoria della dottoressa Bertran.

Dalla sua pagina Facebook:

‘Un uomo ha ucciso una donna a Barcellona. Non dico ‘sua’ moglie anche se erano sposati, perché proprio il fatto di considerarla ‘sua’ è stato, in questo caso, l’ingiustificabile motivo di questo orribile crimine. L’uomo era conosciuto, un giornalista famoso. La donna era un medico di ambulatorio. I primi articoli di stampa si sono riempiti di dati sulla biografia di lui. Spiegavano la vita professionale, i suoi successi, le sue apparizioni pubbliche e opinioni politiche…Davano anche dettagli delle sue malattie, della sua operazione recente…

Di lei ieri non sapevamo neanche il nome, perché i primi titoli parlavano di ‘sua moglie’, e sempre in forma passiva, come complemento oggetto di frasi in cui il soggetto era lui, l’assassino. Che lui l’avesse uccisa sembrava secondario perché la notizia era che lui, una persona importante, era morto.

Domani in Plaza Sant Jaume abbiamo convocato un minuto di silenzio a mezzogiorno, per manifestare l’assoluto rifiuto di questa città verso gli omicidi di matrice maschilista. Spero che la piazza si riempia, e che quanti e quante di voi non possano venire, facciano un minuto di silenzio, ovunque siate. Intanto, ci sarà tempo per le sfumature, ci sarà tempo per i dettagli di interesse giornalistico, ma la notizia che oggi deve interpellarci, quella che dobbiamo esigere per rigore e per giustizia, è questa: ‘La dottoressa Victoria Bertran è stata uccisa da suo marito’. Oggi importante non è lui, ma lei, e l’ingiusta sofferenza della sua famiglia, amici e compagni di lavoro che questa città accompagna nel loro dolore.’

screen-shot-2016-12-20-at-5-14-14-pm

Ada Colau proclama il suo impegno e quello di Barcellona contro la violenza di genere

Ada Colau scrive il 13 luglio 2016:

”C’è qualcosa di sbagliato quando una bambina è costretta a nascondersi un registratore in un calzino affinché la società creda a quello che grida da due anni: che suo padre abusava di lei. C’è qualcosa di sbagliato quando una donna, in teoria protetta da un divieto di avvicinamento, viene pugnalata dal suo ex compagno nel centro di assistenza dove era obbligata a portare suo figlio affinché il maltrattatore lo vedesse. C’è qualcosa di sbagliato quando un giudice o una giudice obbliga i bambini e le bambine a convivere con gli uomini che hanno urlato, picchiato, umiliato e sopraffatto le loro madri (non posso immaginare terrore più grande di quello di questa infanzia non ascoltata, non rispettata)… e c’è qualcosa di enormemente sbagliato quando anche le donne che denunciano vengono assassinate. È la società che sbaglia. Sbaglia la comunità. Sbaglia il sistema giuridico. Sbagliano le politiche di prevenzione e le politiche di protezione.
Abbiamo un problema incistato e strutturale e si chiama MASCHILISMO.
Ma, allo stesso tempo, qualcosa sta cambiando quando un’intera città si riversa in strada per condannare le aggressioni maschiliste durante le feste. Quando le reti sociali ribollono di indignazione davanti a ogni nuovo caso in cui il sistema fallisce e vince il maschilismo. Quando ci sono adolescenti che osano spiegare pubblicamante la propria esperienza di violenza, quando sempre più donne si sentono forti, si organizzano e si aiutano. Direi anche che qualcosa sta cambiando quando una bambina si arma di coraggio e nasconde un registratore nelle calze, consapevole del suo diritto a essere creduta e protetta. Dal Comune di Barcellona ci metteremo tutta l’energia per spingere e accompagnare questo cambiamento dal basso, profondo, di coscienza, verso una comunità di donne coraggiose e forti e di uomini che ci amino e ci rispettino come tali, coraggiose e forti. Lavoreremo per identificare la violenza, per segnalarla, isolarla e perché sia condannata da tutti e da tutte. Perché non ce ne sia neanche una in più spaventata, sola, umiliata, che le si urli contro, ferita, obbligata, abusata…perché non ce ne sia neanche una in meno per colpa del maschilismo.”

Screen Shot 2016-07-13 at 8.07.57 PM