‘Islamofobia di genere’

O come si costruisce l’esclusione delle donne musulmane attraverso la paura.

Lunedì 17 ottobre ho partecipato all’incontro ‘Islamofobia di genere’, organizzato da Origen, un progetto il cui scopo è monitorare il linguaggio dei mass media e approntare raccomandazioni che sollecitino l’adozione di un linguaggio e strategie comunicative nel rispetto delle dinamiche di genere.

Origen è un ‘osservatorio per la parità nei notiziari’ che fomenta anche incontri pubblici con giornalisti e giornaliste per riflettere su precisi argomenti.

L’incontro di ieri è stato presenziato da Fatiha El Mouali che, dopo gli studi in economia, si è trasferita in Catalonia dove, schematizzando, si può dire che lavora offrendo supporto giuridico-amministrativo per i nuovi migranti e soprattutto alle migranti; per ampliare la portata del suo impegno, mi sento di aggiungere che il suo background accademico e il suo nuovo percorso di studi, la sua lunga esperienza come interprete (che tradisce una particolare sensibilità agli aspetti metalinguistici della comunicazione), l’aver vissuto in prima persona una storia di migrazione, la rendono una portavoce preparata e accorata di un mondo sul quale molto spesso si sovrappongono letture pregiudizievoli. Mi ha molto ispirato perché durante il suo racconto ho pensato che, tenendo in conto le storie individuali e le esigenze specifiche, una società civile dovrebbe far fronte comune contro storture comuni.

Fatiha organizza il discorso in tre parti, con l’unico scopo di smascherare determinati meccanismi che, nell’insieme, concorrono alla creazione di uno stereotipo culturale: si concentra sul ruolo dei mass media, della legge e dello sguardo della società. In questo breve articolo, è riportato un focus sugli ultimi due aspetti.

Termino qui la mia presentazione e riporto quanto riferito. (Si tenga a mente che per alcuni aspetti è necessario considerare il contesto spagnolo e catalano in particolare in cui si inserisce il discorso.)

Quando si parla di donne musulmane si dovrebbe distinguere tra convertite, migranti, o ‘di seconda generazione’. Il problema è che anche a livello accademico si stenta a specificare. (Qui Fatiha cita Natalia Andújar, agnostica fino a che non ha deciso di abbracciare la religione islamica). Anche le statistiche non sono accurate: non distinguono, per esempio, tra musulman* di origine spagnola e straniera.

Il punto è che le donne musulmane sono silenziate, invisibilizzate, eppure sovraesposte per la questione del velo (Sonia Herrera Sanchéz, collaboratrice  di Origen, che ha introdotto l’evento, lo definisce ‘simbolo del terrore’ come risulta, a livello di percezione, dalle analisi mediatiche condotte).

Oggi è molto di moda la parola ‘empoderamiento’. Sono arrivate molte migranti ‘empoderadas’ che volevano agire nel contesto di arrivo. Per molte ragioni, non solo sono state silenziate, ma anche ‘despoderadas’ e disumanizzate.

E spiega come.

Il quadro normativo in cui si trovano le donne musulmane migranti è quello della Ley de Extranjería. Arrivano per motivi familiari, ovvero per il ricongiungimento familiare.

La Spagna è interessata da questo flusso migratorio da almeno quarant’anni, per rispondere, dalla prospettiva come Paese d’accoglienza, al bisogno di manodopera a basso costo maschile per il settore edile. La legge prevede il permesso di residenza ma non di lavoro per le donne che raggiungono i mariti che lavorano in Spagna. Dal 2008, con la crisi dilagante, le cose sono peggiorate. (Riporto questo estratto: ‘Molta gente non lo sa, ma se andate a rivedere la Ley de Extranjería del 2010, molte donne musulmane non potevano lavorare per legge. Prima di proibirci il burkini, ci proibivano di lavorare per legge’). A tali condizioni, rimangono due strade da percorrere per lavorare, che di fatto invisibilizzano queste persone e rimarcano uno stereotipo: la prima è il lavoro nero; la seconda è il ricorso agli aiuti statali. Nel Paese d’accoglienza si diffonde allora l’idea che queste persone arrivino per chiedere gli aiuti sociali, nutrita dalla scarsezza delle informazioni necessarie per leggere il fenomeno. Nessuno spiega alla cittadinanza che queste persone sono state avviate verso queste soluzioni. La cosa più importante di tutte rimane il velo…

Non ho visto né femministe né attivisti per i diritti umani denunciare questa legge. Il femminismo dovrebbe lottare perché le donne lavorino e siano indipendenti.

Si pensi a come la persona che ricorre agli aiuti statali per sopravvivere si sente in uno stato di subalternità rispetto alla società.

Fondamentalmente, il permesso di residenza rilasciato alle donne dipende dal marito.

Se la donna e l’uomo divorziano, la legge salvaguarda il diritto del padre a vedere i figli. Spesso, quindi, le donne rinunciano a divorziare perché non sono libere, perché devono scegliere tra perdere i figli e tornare nel Paese d’origine.

Ma di questo non si parla, perché meno si parla della situazione reale di queste donne meno si parla della discutibilità della legge di questo Stato. Sono quarant’anni che c’è questo tipo di immigrazione e persiste l’interesse a occultare queste problematiche.

A partire dal 2008, se la donna è vittima di violenza di genere, deve dimostrarlo e solo allora ha diritto a risiedere per cinque anni in una residenza protetta. Ma dimostrarlo è difficile. A volte, sono gli stessi operatori sociali che pensano che le donne musulmane non reagiscano per motivi religiosi…

Quando le donne arrivano in Catalogna, generalmente sono adulte e con figli. Hanno tempo di apprendere la lingua? Hanno le risorse per farlo? Essendo adulte, bisogna ricorrere a strategie didattiche specifiche. Quindi, se l’accesso al lavoro è ostacolato, se rimangono a casa tutto il giorno sole con i bambini che non parlano, se non parlano neanche col marito che è fuori tutto il giorno a lavorare, con chi parlano queste donne?

I professionisti con cui entra in contatto chi è appena arrivato in un Paese straniero sono determinanti per la futura integrazione nel Paese. Se arrivi e hai un’esperienza positiva allora si assesta una percezione per cui anche se incontrerai persone non aperte le vedrai come un’eccezione.

Se l’impatto è brutto, invece, si perde fiducia in se stess* e subentrano meccanismi di difesa ovvero di rifiuto.

Molte donne pensano: ‘casa è un luogo sicuro’, e non escono più.

Tutta questa dinamica viene semplificata dagli altri in: ‘questa donna non vuole lasciare il marito, è insicura per la sua cultura, la sua religione e il suo uomo’. Questo è inammissibile. Sono necessarie misure mirate per queste donne.

Anche i bambini soffrono delle ripercussioni: vedono le madri chiuse in se stesse e assumono su se stessi lo sguardo dellla società; ecco che i figli non rinoscono più l’autorità delle madri, della famiglia e per estensione della cultura d’origine. Qui nasce il conflitto culturale.

screen-shot-2016-10-19-at-12-39-31-pm

Foto presa da questo blog

Domani, giovedì 20 ottobre 2016, Fatiha e altre donne parteciperanno all’incontro ‘Donne e femminismi contro l’islamofobia’, presso l’Universitat de Barcelona – Raval. Qui l’evento su FB.

screen-shot-2016-10-19-at-12-42-23-pm

Piattaforma cittadina contro l’islamofobia: qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...