Uomini che contano (e cantano) giorni, ore e minuti

 Screen Shot 2016-05-14 at 6.07.49 PM

It’s been seven hours and fifteen days since you took your love away…

Quando ho ascoltato per la prima volta ‘Nothing compares to you’, sono rimasta rapita dalla bellezza della canzone, come immagino abbiano fatto tutt* coloro che l’hanno ascoltata. La voce di Sinead O’Connor che la interpreta è talmente perfetta, il suo viso nel video è talmente splendido che questo pezzo dolentissimo incanta senza esitazioni vincendo la sua stessa tristezza con la sua stessa bellezza.

Quando, tanti anni fa, mi sono incuriosita e ho scoperto che l’autore di questa canzone è Prince, ho trovato sorprendente che un uomo potesse aver dedicato la prima strofa alla conta dei giorni e delle ore della perdita della persona amata. (‘Sono sette ore e quindici giorni da quando hai portato via il tuo amore’).

(Un numero di Dylan Dog cita anche il capolavoro del folletto).

Nell’organizzazione affettiva di femminilità e mascolinità, lo stereotipo sociale presenta l’estasi e il dolore dell’amore come affar di donne, come se gli uomini non potessero amare e per questo soffrire e gioire. E invece lo fanno eccome (ovviamente!), addirittura quando soffrono sembrano voler fare letteralmente i conti col dolore, contandolo. Oltre a Prince, anche Manu Chao con ‘Trece días’, canta i tredici giorni di freddo, di mancanza di respiro e senso che, se presumiamo non ci siano doppi sensi politici, sono da imputare a un abbandono amoroso.

E naturalmente Gatsby, l’ossessione del tempo ‘in persona’, corregge la vaga coordinata temporale di Daisy ‘sono molti anni che non ci vediamo’ con un preciso ‘sono cinque anni a novembre’. Come se avesse contato il tempo che l’ha separato dall’amore della sua vita con le linee sul muro di un carcerato e contemporaneamente con lo scrupolo rigoroso dello scienziato.

https://www.youtube.com/watch?v=H7yBQIGyunI

C’è su youtube anche una bella lettura psicologica dell’idea di tempo ne ‘Il grande Gatsby’.

 

Poi ci sono gli Almanegretta, che sciolgono la riserva sul tempo che passa.

‘Non ci pensare, pensa a campare, tutto questo passa e va via’.

https://www.youtube.com/watch?v=iaLHxCHEAN8

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...