Screen Shot 2016-03-08 at 12.56.52 PM

‘Interstellar’ è uscito già da più di un anno ma siccome il tempo è relativo, per me è uscito ieri sera, a casa mia.

Già vent’anni fa, Mattew McConaughey aveva recitato in un film circa scienza, fantascienza, forme di vita aliene e viaggi nello spazio-tempo, in quello che io definisco il più bel film sull’argomento (o meglio, argomenti): ‘Contact’ di R. Zemeckis.

‘Interstellar’ non brilla per originalità, se non per qualche aspetto; prima di tutto, se finora la cultura ha elaborato la paura per le invasioni aliene – sempre a immagine e somiglianza dell’uomo e di quello che qua e là ogni tanto è successo e succede nel mondo quando un gruppo di uomini decide di invadere un altro gruppo di uomini – adesso sembra che ci sia stata un’inversione del senso di marcia: non sono gli alieni che vogliono invadere la bella terra, sono gli uomini che se ne vogliono scappare a gambe levate per averla ridotta a una palla di polvere inospitale.

Nel film non viene dato molto spazio alla riflessione sulle cause dell’impoverimento terrestre ma interessantemente viene tratteggiata una critica alla tecnologia e alla scienza per aver sottratto braccia all’agricolura; e dunque, a scuola ragazzine e ragazzini vengono incoraggiati a darsi all’agricoltura (il cibo scarseggia e le piante si ammalano), mentre organismi come la NASA portano avanti la ricerca in semi clandesitinità. L’argomento è molto attuale e degno di attenzione, ma nel film è presentato troppo aut-aut. Non si parla di eccessi ma solo di una netta contrapposizione tra istruzione-scienza e agricoltura, senza paventare la possibilità di una ridistrubione tra le due sfere che comunque hanno bisogno l’una dell’altra. Ma è solo un film e forse di questo ne dovrebbero parlare con più serietà all’ONU. Curioso, comunque, che in tutti i film del filone marziano viene assunta la pannocchia come totem, che ora mi crea inquietudine: da ‘ET’ a ‘Signs’, la sacra pannocchia, mais e tutto ciò che abbia una spiga sono il presagio dell’extraterrestre.

Ovviamente, c’è una connessione con la paura archetipica delle carestia (e delle conseguenti guerre), che soprendentemente si è insinuata anche nei racconti di fantascienza. Questo era stato già anticipato, per esempio, dal libro ‘The incredibile tide’ di Alexander Key, che non ho letto ma che conosco tramite ‘Conan, il ragazzo del futuro’ (regia Miyazaki-Hayakawa) che peraltro il film ricorda molto per alcune inquadrature.

Come ho già scritto per ‘The revenant’, anche ‘Interstellar’ sembra volerci dire che il seme della discordia è un qualcosa di endemico della natura umana, vedasi il personaggio interpretato da Matt Damon, che non solo mente spudoratamente per salvarsi la pelle ma cerca anche di uccidere Cooper-McConaughey.

I personaggi-chiave femminili, invece, sono molto positivi. Da un lato, la figlia di Cooper, Marph, è colei che (prendendosi una bella rivincita su quanti l’avevano torturata per la somiglianza del suo nome con la famosa legge-sfiga, atto di promozione della sfiducia del femminile), alla fine, salverà il mondo dall’estinzione grazie alle sue qualità  – intelligenza, intuito, fede, amore – che fanno di lei una scienziata completa; dall’altro, l’astronauta e fisica Hataway-Brand è una figura complessa che mette in luce un dinamico dialogo-contrasto tra scienza e ‘elemento umano’. Non solo alla fine si capirà che la sua intuizione circa il pianeta-sostituto della terra era corretta (vedasi gli ultimi cinque secondi finali per capire), ma è colei che anima il più bel dialogo di tutto il film circa l’amore. Sentire per credere.

Forse è proprio l’amore – senza sentimentalismi – è quella dimensione imponderbile che potrebbe essere la salvezza – tutta terrestre, tutta mondana – per noi e per il nostro pianeta.

Screen Shot 2016-03-08 at 1.03.24 PM

”L’amore non è una cosa che abbiamo inventato noi. Deve voler dire qualcosa. Amiamo persone che sono morte, qui non c’è un’utilità sociale. È una testimonianza, un artefatto di un’altra dimensione che non possiamo percepire consciamente. Io sono dall’altra parte dell’universo attratta da qualcuno che non vedo da un decennio. L’amore è l’unica cosa che riusciamo a percepire che trascenda le dimensioni di tempo e spazio. Forse di questo dovremmo fidarci anche se non riusciamo a capirlo ancora”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...