Scontro di civiltà un caSSo

Ho paura.

Ho paura perché non mi sento tranquilla a manifestare la mia libertà di pensiero che mi porta ad informarmi accuratamente prima di prendere posizione su un ‘noi’ e un ‘loro’, dicotomia che, tra l’altro, non esiste (se non a patto, per esempio, di suddividere le persone tra quelle che vogliono la pace e quella che non la vogliono). E, comunque, mi sento molto più minacciata dal ‘noi’, da questo punto di vista.

Perché se cerco di portare argomenti a sfavore dell’islamofobia, non per particolari simpatie ma cercando semplicemente di seguire un’informazione il più possibile libera e corretta, ho paura di essere etichettata come ‘anticattolica’. Non per l”anticattolica’ in sé ma perché odio le etichette e specialmente quelle date gratuitamente. Perché non mi piace che si associ, negli appelli alla difesa dell’identità italiana, ‘la nostra cultura’ a ‘sì ai crocifissi in chiesa’. Io sono italiana ma non mi rivedo in questa assunzione di ‘cultura’. E poi, se mi sento minacciata io, figuriamoci i tanti italiani ebrei o musulmani che esistono e che si sentono italiani quanto me. A me piace pensare alla cultura come a Ungaretti, Deledda, Michelangelo, Artemisia Gentileschi e via dicendo. Non come al crocifisso in aula.

Perché tremo ogni volta che sento ‘i nostri valori’, perché automaticamente la mia mente corre allo sterminio dei Pellerossa, o, per accorciare le distanze temporali, al gender gap o ai femminicidi (‘i nostri valori’, quelli che discriminano ancora le donne o le uccidono?), alle guerre e ai genocidi che nessuno si fila (‘i nostri valori’ sono selettivi?)…e allora vengo tacciata di essere ‘antioccidentale’.

Ho paura, perché le misure antiterroristiche, che influenzano ampi spazi di libertà democratiche (‘L’ uomo civile ha barattato una parte della sua possibilità di felicità per un po’ di sicurezza’, diceva Freud ne ‘Il disagio della civiltà’), rimano molto bene anche con le pretese di chi non si apre al confronto senza tentare di aprire nuove strade alternative alla lotta al terrorismo, per esempio.

Insomma, ho paura che questa isteria venga presto o tardi legittimata e a sua volta legittimi un giro di vite in senso pericolosamente antidemocratico e che si sia trattato di un gigantesco cavallo di Troia, costruito con pazienza, nel tempo, ed elettrizzato dalla sciatteria social-mediatica. Che è sempre il riflesso di qualcosa di più profondo e che sì, questo sì, ha a che fare con il concetto di ‘cultura’.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...